Guadagnare con il fotovoltaico

Se sei alla ricerca di un modo per guadagnare con il fotovoltaico, continua a leggere questa guida aggiornata, ti diremo come devi fare e quanto puoi guadagnare dall’installazione di un impianto fotovoltaico a casa o in ufficio.

Il fotovoltaico è destinato a cambiare la gestione energetica delle nostre case, ma anche di qualsiasi luogo pubblico o privato in cui necessiti l’uso di energia. In realtà, lo sta già facendo grazie alla possibilità che abbiamo di creare energia pulita e di rivenderla.

La tecnologia di un impianto fotovoltaico ha compiuto notevoli progressi, migliorando il rendimento e la durata dei pannelli fotovoltaici, ma ha soprattutto permesso l’accesso a tale tecnologia a molte più persone, rendendo il fotovoltaico alla portata di tutti coloro i quali intendano migliorare la propria gestione energetica sotto tutti i possibili punti di vista.

Gli impianti fotovoltaici nell’ultimo decennio hanno subito molti miglioramenti, costando ora, nel 2015, l’80% in meno rispetto a dieci anni fa.

Rendimento dei pannelli fotovoltaici

Il rendimento dei pannelli fotovoltaici si è alzato sino del 75%, arrivando ad avere una vita media di quasi 35 anni, in condizioni ottimali.

E’ semplice intuire un futuro in cui i costi diventeranno anche più accessibili, grazie alle continue innovazioni tecnologiche: è chiaro che molte aziende di settore hanno investito in energie rinnovabili e nel fotovoltaico, vedendo in esso il vertice in cui molto probabilmente convergeranno tutte le esigenze energetiche di una abitazione.

Perché i pannelli fotovoltaici rendono di più

Nel corso degli ultimi anni, gli impianti fotovoltaici hanno visto crescere la propria efficienza grazie a tre innovazioni molto importanti:

  • Gli ottimizzatori
  • Gli inverter integrati (link),
  • Le pompe di calore

Gli Ottimizzatori

Senza entrare in tecnicismi, gli ottimizzatori sono dei dispositivi elettronici che vengono montati sul retro dei pannelli; questi dispositivi permettono di uniformizzare il rendimento di tutti i pannelli rendendolo omogeneo.

Senza di essi, se uno o più pannelli dovessero rendere meno rispetto agli altri (ad esempio per l’esposizione non perfetta al sole), essi andranno ad influire negativamente sull’intero sistema, quindi anche i pannelli migliori si adeguano a quello che funziona “di meno”.

Gli ottimizzatori permettono quindi una distribuzione omogena di energia su tutto l’impianto, massimizzando il rendimento totale e garantendo costi di manutenzione minori ed un amortizzamento dei costi iniziali ridotti.

Gli Inverter integrati

Sono delle particolari “batterie” che permettono di accumulare l’energia convertita dai pannelli fotovoltaici in modo da potere utilizzare, nelle ore di minor luce o di buio, tutta l’energia prodotta nele ore di maggiore esposizione solare.

Grazie ad essi, tutta l’energia accumulata durante le ore migliori della giornata può essere saggiamente distribuita nell’arco delle 24 ore.

Le pompe di calore

Sono dei sistemi di riscaldamento dell’acqua, che possono venire utilizzati in sostituzione del normale impianto di riscaldamento. Le pompe di calore sfruttano l’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico per riscaldare l’acqua, divenendo una reale alternativa al classico impianto alimentato dal gas.

Quindi l’impianto fotovoltaico è sfruttato al massimo; le pompe di calore garantiscono anche dei rendimenti energetici maggiori fino a 4 volte rispetto al classico impianto a gas.

Quanto si guadagna con un impianto fotovoltaico?

Per capire quanto si guadagna con un impianto fotovoltaico, facciamo delle stime con dei moduli ad alta efficienza, che producono circa 1200-1400 Kw all’anno (cioè 1,2 o 1,4 Mwh).

Il guadagno medio in Italia è di circa 60-70 euro per chilowatt, con picchi di 100 euro per chilowatt nel sud Italia (dove il sole è più forte).